L’occupazione dei lavoratori nazionali e dei cittadini stranieri in Uzbekistan è disciplinata dal Codice del Lavoro (Labor Code of the Republic of Uzbekistan, 21 Dicembre 1995, e successive modifiche). I rapporti di lavoro sono regolati da contratti individuali e da accordi collettivi. I contratti di lavoro devono rispettare le norme prescritte dalla legge uzbeka. Le società straniere e locali possono assumere dipendenti direttamente, senza l’utilizzo di agenzie di collocamento o di reclutamento.
I cittadini uzbeki devono fornire al datore di lavoro una “carta del lavoro” contenente dettagli personali e una registrazione del lavoro passato e presente. Tale carta è rilasciata per determinare l’ammontare dovuto dal Fondo nazionale di previdenza sociale per malattia temporanea o disabilità del dipendente e per la determinazione della pensione statale. Se il dipendente non ha questa carta, il datore di lavoro deve provvedere a fornirgliela entro cinque giorni dall’inizio dell’impiego.
Un contratto di lavoro può prevedere un periodo di prova, che non deve superare i tre mesi. I salari non possono essere più bassi del salario minimo mensile. La settimana lavorativa è di 40 ore. Gli straordinari sono consentiti so se approvati dal datore di lavoro e in alcune categorie questi non sono permessi. Gli straordinari non possono superare le 4 ore in due giorni e le 120 ore in un anno. Per ogni ora di straordinario, il lavoratore deve essere retribuito con il doppio del salario previsto per un’ora di lavoro.
Il periodo di ferie minimo retribuito annuale è di 15 giorni, di cui almeno 12 giorni devono essere utilizzati in una sola volta. Il congedo di maternità è pagato per non meno di 70 giorni prima della nascita e 56 giorni dopo la nascita (fino a 70 giorni in alcuni casi). Il congedo di maternità è pagato dal datore di lavoro allo stesso livello della retribuzione normale, ma è effettivamente rimborsato attraverso trattenute dai contributi dovuti al Fondo di previdenza sociale.
Le aziende con lavoratori stranieri in Uzbekistan devono ottenere una licenza per l’impiego di manodopera straniera da parte Agency on Foreign Labor Migration Issues. Una società autorizzata deve anche ottenere un permesso di lavoro dall’Agenzia per ogni dipendente straniero.
L’Agenzia rilascia la licenza entro 30 giorni dalla data di presentazione di tutti i documenti richiesti.La licenza per l’impiego di manodopera straniera e/o il permesso di lavoro per i dipendenti stranieri sono validi per non più di un anno. La tassa per la licenza è di 10 volte lo stipendio minimo mensile. Al contrario, non vi è alcuna tassa per il permesso di lavoro di un dipendente.
Gli stranieri che lavorano negli uffici di rappresentanza non sono soggetti al conseguimento della licenza e del permesso di lavoro, tuttavia devono ottenere una scheda individuale di accreditamento da parte del Ministero per le relazioni economiche, gli investimenti e il commercio (MFERIT).