In genere la legislazione più recente dell’Uzbekistan tende ad uniformarsi con la legislazione dei paesi occidentali. Qui di seguito diamo una panoramica di tipo generale ed orientativo delle leggi e norme che regolano le attività economiche nel Paese. Poiché la legislazione è in continuo divenire raccomandiamo a chi intende svolgere un’attività economica nel Paese di informarsi in dettaglio sulle normative più recenti che possano applicarsi alla sua attività.

Normativa societaria

Le forme societarie più utilizzate dagli investitori esteri sono:
La partnership: può essere generale (cioè un’impresa a responsabilità limitata, costituita in base ad un accordo che riunisce le proprietà di diverse persone fisiche e giuridiche al fine di esercitare un’attività economica in nome comune) o limitata (oltre alla responsabilità limitata dei soci è presente la responsabilità limitata dei soci accomandanti), con capitale minimo non inferiore a 40 volte il salario minimo mensile.

Società a responsabilità limitata: disciplinata dalla legge del 6 dicembre 2001 sulle società a responsabilità limitata e sulle società a responsabilità aggiuntiva. È un’entità separata dai fondatori e prevede la responsabilità degli azionisti limitatamente all’ammontare conferito nel capitale sociale. Il capitale sociale minimo non può essere inferiore a 40 volte il salario minimo mensile fissato alla data di presentazione dei documenti di fondazione per la registrazione statale.
Società a responsabilità aggiuntiva: a differenza della società a responsabilità limitata, lo statuto può prevedere che la responsabilità congiunta dei partecipanti sia un multiplo del capitale sociale. In caso di insolvenza di un socio, la responsabilità sociale è ripartita fra i soci restanti in proporzione al loro apporto al capitale sociale, salvo diversa disposizione statuaria.
Società per azioni: disciplinata dalla legge del 26 aprile 1996 sulle società per azioni e sulla protezione dei diritti degli azionisti. È un’entità separata dai fondatori e prevede la responsabilità degli azionisti limitatamente all’ammontare conferito nel capitale sociale. Può essere aperta (il numero dei soci fondatori è illimitato e gli azionisti possono disporre delle rispettive quote senza il consenso degli altri soci) o chiusa (deve essere costituita da non meno di tre e non più di cinquanta soci).
Il capitale sociale minimo non può essere inferiore a 400.000 dollari USA. Il pieno conferimento del capitale azionario deve avvenire entro un anno dalla data di registrazione e nei termini specificamente stabiliti in caso di aumento di capitale. L’assemblea dei soci è l’organo supremo e deve riunirsi almeno una volta l’anno. La funzione direttiva è affidata al Consiglio di sorveglianza, mentre la gestione ordinaria è compito del Consiglio di amministrazione.
Impresa privata: disciplinata dalla legge dell’11 dicembre 2003 sull’impresa privata. È un’entità commerciale fondata e gestita da una persona fisica, anche di nazionalità straniera. Non vi è un capitale minimo. Esso è costituito dalla contribuzione monetaria, dagli attivi finanziari o da altri attivi aventi valore commerciale del proprietario.